Sicurezza sul lavoro: dall’Inail linee guida per la prevenzione in agricoltura

Sicurezza sul lavoro: dall'Inail linee guida per la prevenzione in agricoltura
Sicurezza sul lavoro: dall'Inail linee guida per la prevenzione in agricoltura
Eventi e rapporti

Sono sei gli opuscoli a scopo informativo dell'Istituto nazionale per la tutela dei lavoratori nel settore agricolo e allevatoriale

L'Inail, Istituto Nazionale per l'Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, ha pubblicato sei opuscoli a supporto della sicurezza per gli agricoltori e i lavoratori impegnati negli allevamenti.

I materiali del Piano Nazionale Agricoltura sono stati redatti in collaborazione con il Ministero dell'Agricoltura e il Coordinamento Tecnico delle Regioni. I temi trattati riguardano anche riguardano la mungitura, il patentino dei trattori agricoli o forestali e la revisione periodica delle macchine agricole. Ecco in sintesi i punti salienti del lavoro.

ALLEVAMENTO BOVINI

I rischi cui sono soggetti gli allevatori sono riconducibili ad urti e schiacciamenti, scivolamento su pavimentazioni coperte da deiezioni, rischio biologico da contatto con fluidi organici e animali malati. Un altro pericolo è rappresentato dalla movimentazione dei capi, soprattutto dei tori, che può dar luogo a schiacciamenti, calci e cariche.

L'opuscolo fornisce anche le linee guida di prevenzione quali la rimozione delle deiezioni e dei residui alimentari, l'utilizzo della cavezza per spostare i tori, il contributo alla calma e alla tranquillità dei bovini anche con la voce e l'effettuazione regolare di disinfestazioni e derattizzazioni.

ALLEVAMENTI SUINI

I rischi negli allevamenti suini sono identici a quelli bovini. La differenza riguarda la fase della riproduzione, quando il contatto diretto con gli animali è molto più intenso, dato che sono molte e frequenti le manovre da compiere: trasferimenti da un ricovero all'altro, interventi sui singoli capi per castrazione, taglio della coda, inseminazione artificiale, prelievo del seme, assistenza al parto e ai piccoli.

Nel rapporto si possono trovare anche le linee guida per la prevenzione del rischio biologico quali il ricovero in quarantena per gli animali in arrivo, la profilassi dei capi contro leptospira e mal rossino, disinfestazione e derattizzazione regolare, raccolta della placente e degli eventuali feti e suinetti morti dopo il parto e il lavaggio separato degli indumenti da lavoro.

MUNGITURA

I principali rischi nell'attività di mungitura in sala sono legati al contatto traumatico con l'animale o materiali biologici, scivolamenti o cadute, posture non ergonomiche e microclima.

Le procedure di prevenzione passano attraverso l'igiene dell'ambiente, degli animali e delle attrezzature oltre alla conservazione dei prodotti chimici in zone sicure.

ABILITAZIONE ALLA GUIDA DEL TRATTORE

Secondo la Legge chiunque utilizza trattori agricoli e forestali deve essere in possesso di una formazione ed addestramento adeguati e specifici, tali da consentire l'utilizzo delle attrezzature in modo idoneo e sicuro, anche in relazione ai rischi che possono essere causati ad altre persone.

Tale formazione è attestata dall'abilitazione all'uso, in vigore per i lavoratori del settore agricolo dal 31 dicembre 2015.

I corsi possono essere organizzati da soggetti formatori pubblici come Regioni, Provincie autonome, Ministero del lavoro e l'Inail.

Si tratta di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche da effettuarsi in un campo con prove specifiche previste dalla Legge.

 

 

Cerca una notizia

Newsletter