Sostanze chimiche, dall’Echa un aiuto per le Pmi

Sostanze chimiche, dall'Echa un aiuto per le Pmi
Sostanze chimiche, dall'Echa un aiuto per le Pmi
Eventi e rapporti

Pubblicate le linee guide per garantire un uso corretto e sicuro di questi prodotti. Le piccole imprese ancora poco informate sui regolamenti

L’Echa, l’Agenzia europea delle sostanze chimiche, ha pubblicato una guida destinata alle piccole e medie imprese dei Paesi membri per un uso corretto e sicuro di questi prodotti. Si tratta di una panoramica sulla normativa vigente in materia e sui regolamenti internazionali Reach, Clp e Brp. Per far sì che le loro attività non mettano in pericolo la vita dei dipendenti, gli imprenditori, sottolineano da Helsinki, devono conoscere i pericoli che si corrono e le relative sanzioni che possono subire.

Da recenti indagini, infatti, è emerso che quasi il 70% delle Pmi europee operanti nel settore chimico non è a conoscenza degli effetti negativi che può avere sulla salute e l’ambiente circostanze l’utilizzo di queste sostanze. Considerato il loro fatturato, pare che non pensino di doversi conformare al regolamento Reach. Tuttavia, allo stesso tempo, gli stessi dati mettono in evidenza come le piccole realtà informate dell’esistenza di questa normativa e del loro impatto sulle attività commerciali siano più attive nel riprogettare i processi di fabbricazione.

Per approfondire: Sostanze chimiche, novità sul Reach: stabilite le responsabilità di chi le usa

La conformità ai regolamenti comunitari, si ricorda nell’opuscolo, può permettere ai clienti di soddisfare una serie di esigenze, dalla possibilità di operare legalmente sul mercato europeo alla garanzia di una gestione sicura delle sostanze chimiche, dal miglioramento della propria competitività all’apertura verso nuovi mercati.

La guida si rivolge soprattutto alle figure professionali generalmente presenti nella filiera chimica e contemplate nei regolamenti. Si tratta, dunque, di produttori, importatori, distributori e utilizzatori. Per ognuno di loro ci sono schemi, consigli, descrizioni didascaliche e immagini per far comprendere al meglio gli obblighi di legge previsti, le scadenze da rispettare e le eventuali ammende, un vero e proprio percorso guidato nell’ambito di una disciplina tanto complessa quanto fondamentale.

I regolamenti in questione, Reach, Clp e Bpr, si applicano infatti ad una grande varietà di prodotti forniti e utilizzati sotto forma di sostanze chimiche, miscele e articoli. Tra questi, vi sono anche i cosiddetti biocidi, che possono essere immessi sul mercato solo se conformi all’ultimo insieme di norme, e ricevere la relativa autorizzazione dalle autorità competenti. 

Leggi anche: Sostanze chimiche: ecco il nuovo regolamento per l'uso dei biocidi

Cerca una notizia

Newsletter