Rifiuti ingombranti: cosa sono e come devono essere gestiti

Rifiuti ingombranti: cosa sono e come devono essere gestiti
Rifiuti ingombranti: cosa sono e come devono essere gestiti
Igiene Industriale

Dai mobili ai computer, questi scarti possono provenire sia da abitazioni private che da aziende. Ne fanno parte i Raee. Da Hera un nuovo servizio di raccolta

Secondo la classificazione internazionale dei rifiuti, possono essere definiti ingombranti tutti quei beni di consumo durevoli, sia a livello domestico che aziendale, che a causa delle loro dimensioni non possono essere conferiti e trattati dal servizio di raccolta ordinario. Fanno parte di questa categoria mobili, elettrodomestici di ogni tipo, dai televisori ai telefoni cellulari ai computer e alle stampanti, e sanitari. Sono scarti di questo tipo anche i Raee.

Lo smaltimento dei rifiuti ingombranti compete ai singoli comuni. Tuttavia, ci sono alcune società, come Hera, che ha lanciato un servizio telefonico gratuito per il ritiro a domicilio dei prodotti da gettare. Una volta raccolti, in genere, questi vengono portati in centri dedicati, dove i componenti vengono separati e inviati ai diversi impianti di recupero.

Ad esempio, se si considerano i frigoriferi, da questi vengono eliminati i gas e divise le parti metalliche, che saranno destinate alle fonderie e quindi riciclate, da quelle non metalliche. Anche il legno viene selezionato per tipo, ripulito da corpi estranei come la carta o la stoffa e poi ridotto in scaglie. Queste, una volta pressate, vengono aggiunte a collanti per dar luogo a pannelli di legno nuovi, impiegabili nella costruzione di mobili e nei rivestimenti per interni ed esterni. Gli scarti industriali della lavorazione del legno vengono invece impiegati per la produzione della carta.

Per quel che riguarda i Raee, nello specifico, in seguito ad una legge siglata nel 2008, spetta ai produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche il ritiro di questi rifiuti dai centri di raccolta, che non sono altro che stazioni ecologiche presenti in aree comunali attrezzate in collaborazione con i gestori locali dei servizi di gestione degli scarti. Sono invece rimasti di competenza degli enti locali la gestione dei Centri di Raccolta e le modalità di raccolta proposte ai cittadini, alle aziende e agli esercizi commerciali, come ad esempio l’eventuale servizio a domicilio o le fasce orarie di apertura delle stazioni ecologiche.

L’ultima novità che riguarda i rifiuti ingombranti arriva ancora una volta da Hera, che ha lanciato “Cambia il finale”, il nuovo servizio realizzato in collaborazione con Last Minute Market e enti no profit per dare nuova vita agli oggetti utilizzabili e favorire un virtuoso circuito del riuso. La multiutility si rivolge soprattutto alle famiglie. Partecipare è facile: basta telefonare al numero verde del Servizio clienti 800.999.500 e richiedere il servizio di ritiro degli ingombranti a domicilio. Al cliente verranno fornite le indicazioni per contattare organizzazioni no profit del territorio che si sono dichiarate disponibili al loro riutilizzo nel caso siano ancora in buone condizioni.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Ambiente Magazine seguici su Facebook e Twitter o iscriviti alla nostra newsletter.

Cerca una notizia

Newsletter